Novara e la cupola di San Gaudenzio

Novara e la cupola di San Gaudenzio

14/12/2018 Off Di admin

Novara e la cupola di San Gaudenzio
in foto: Panorama di Novara. Foto di Alessandro Vecchi

Novara non è la prima città che ci viene in mente se pensiamo ad un viaggio, eppure la città Piemontese ospita uno dei tesori architettonici più importanti d’Italia. Si tratta della Cupola di San Gaudenzio, un’imponente costruzione che sembra proteggere la città dall’alto. L’opera di Alessandro Antonelli, lo stesso architetto della Mole Antonelliana di Torino, è il simbolo della città di Novara. E una volta che si visita la città, non potrete farvi sfuggire gli squisiti biscotti novaresi, una vera delizia per il palato.

Cosa vedere nella città di Novara

Il Chiostro della Canonicain foto: Il Chiostro della Canonica di Novara. Foto di Awd

Novara è la seconda città più grande del Piemonte, molto spesso lasciata fuori dai circuiti turistici, perchè associata al mondo industriale, ma in realtà, il centro storico della cittadina propone molte cose da ammirare. Il centro di Novara è ricco di imponenti palazzi  e chiese, che hanno avuto una notevole importanza storica. Un luogo molto particolare di Novara è il Broletto, un complesso architettonico medioevale costituito da quattro edifici sorti in epoche diverse, con stili artistici differenti, attorno ad un cortile.

Le cupole ed i frontoni degli edifici ecclesiastici sovrastano i tetti delle case segnado lo skyline della città. Una delle Chiese più importanti di Novara è il Duomo, la Cattedrale di Santa Maria Assunta, anche se rimasta parzialmente incompiuta, è una delle strutture più imponenti della città. La chiesa non è stata portata a termine poichè il progetto originario, che prevedeva la costruzione di un’immensa cattedrale a croce latina, fu fermato dopo l’inizio dei lavori, riuscendo a terminare solo uno dei bracci della nuova struttura, quello che attualmente costituisce il Duomo di Novara. Uno dei luoghi più visitati della città è il Chiostro della Canonica, situato alle spalle del palazzo vescovile, realizzato su un progetto di Alessandro Antonelli. Altro edificio realizzato da Antonelli è Casa Bossi, un palazzo residenziale con una grande facciata neoclassica.

Altro luogo che merita una visita è la Chiesa di San Marco, che all’interno sbalordisce per i suoi elementi decorativi, come marmi, tele pregiate e legno intagliato. Il tour tra gli edifici religiosi di Novara termina con la Chiesa di Ognissanti, una costruzione romanica oggetto di un importante restauro. All’interno si possono ammirare bellissimi affreschi tra i quali una Madonna del Latte attribuita a Giovanni de Campo.

Girando per il centro della città di Novara si incontrano anche molti Palazzi di notevole importanza storica. Uno dei più pregievoli è il Palazzo Tornielli Bellini, oggi sede della Banca Popolare di Novara. Questo Palazzo è aperto anche per la visita alle sue stanze interne, se avrete la fortuna di entrarvi potrete ammirare stanze meravigliose con decori ed arredamento dell’epoca. Altri edifici storici che meritano una menzione sono il Palazzo Tornielli e Palazzo Natta Isola, sede della Provincia di Novara e della Prefettura. Il tour agli edifici importanti di Novara non può non comprendere il Teatro Coccia, un grande edificio in stile neoclassico, dove hanno calcato il palcoscenico artisti importanti.

Anche Novara ha un suo Castello, la fortezza fu costruita dai Visconti, modificata dagli Sforza e trasformata poi dagli Spagnoli. Anche la sua funzione negli anni è cambiata, prima è stato un carcere, mentre oggi ospita mostre ed eventi culturali. Il parco che gira tutto intorno al castello è uno dei parchi più belli del Piemonte.

La visita a Novara non può termimare senza aver assaggiato gli squisiti biscotti, per i quali la città è famosa. Il regno di queste delizie è il Biscottificio Camporelli, situato in una stradina del centro. I biscotti di Novara derivano da un’antica ricetta del medievo, ed erano preparati con farina, uova e zucchero, dalle monache carmelitane. Successivamente, questi biscotti, vennerò riprodotti da un farmicista e venduti come ricostituente per i malati.

La Basilica di San Gaudenzio

Basilica e cupola di San Gaudenzioin foto: Basilica di San Gaudenzio. Foto di Francisco Anzola

Un paragrafo a parte lo merita la bellissima Basilica di San Gaudenzio, simbolo della città grazie alla Cupola dell’Antonelli. Quest’ultima sembra guardare la città dall’alto, dato che si innalza per 121 metri. La Basilica fu fortemente voluta dai cittadini è fatta costruire nel 1576, su una preesistente costruzione dedicata al santo.

La Basilica di San Gaudenzio è stata eretta nel punto più alto della città e rispetto alla sua forma originale ha subito una modifica nel 1800 ad opera di Alessandro Antonelli al quale si deve la monumentale facciata d’ingresso e la grande cupola, simbolo della città. La costruzione di quest’ultima è molto complessa, infatti, è stata realizzata creando tre cupole concentriche, un sistema che farebbe in modo, in caso di crollo, che la struttura collassi su se stessa senza danneggiare gli edifici vicini. Nonostante i lavori siano durati quasi 50 anni, l’opera non è mai stata completata, mancano molti affreschi previsti nel progetto dell’architetto. Altro elemento importante della basilica è il Campanile, realizzato alla fine del Settecento su progetto di Benedetto Alfieri, dalla pianta quadrata alla base che diventa ottagonale nella parte superiore.

Fonte: Novara e la cupola di San Gaudenzio