Virtual Production: non è necessario viaggiare per raccontare

Un po’ come il cugino della VR, non c'è sicuramente più parola d'ordine nell'industria cinematografica in questo momento di Virtual Production. Una vera rivoluzione nel processo decisionale della produzione video a Milano. Ma cos'è esattamente? Perché Brands e storyteller dovrebbero prendere nota? E, soprattutto, in questo momento, come può aiutare a far andare avanti la produzione video in questi tempi incerti?

Per coloro che guardano oltre il lockdown. La produzione virtuale ha raggiunto un punto di svolta: per i marketeers e i cineasti che sono disposti ad adottare in anticipo, c'è un'enorme opportunità di usare la produzione virtuale per raccontare storie più grandi e audaci. E tutto per lo stesso budget. 

 

Quindi cos'è la produzione video virtuale?

Definire esattamente di cosa si tratta può essere complicato. È quasi impossibile individuare la produzione virtuale su qualsiasi cosa. O una svolta particolare. È composto da molte parti e tecnologie diverse, che comprende molte tecniche e livelli diversi. Le sue radici risiedono nel settore degli effetti visivi (VFX) e per i più tecnicamente inclini, tende a includere:

 

• Pre-visualizzazione (pre-vis, tech-viz, stunt-viz, post-viz);;

• Acquisizione delle prestazioni;

• Set virtuali;

• Composizione in tempo reale;

• Composizione ibrida a schermo verde;

• Pareti e illuminazione a LED;

In sostanza, e in parole povere: sono una serie di tecniche che consentono ai mondi fisico e digitale di incontrarsi. Permettere di filmare cose che sono praticamente difficili o impossibili da fare nella vita reale. Può anche risparmiare tempo e denaro nel processo.

Non c'è nulla di particolarmente nuovo in VFX. È in circolazione da decenni. Di cosa stiamo davvero parlando qui, è la prossima generazione di VFX. La tecnologia è ora diventata così veloce e così onnipresente che in molti casi è ora più facile da implementare rispetto alle riprese della cosa reale, in grado di fornire fotorealismo in tempo reale. E più recentemente, con set digitali interattivi e studi LED, senza necessità di post-produzione.

Pareti a LED e set virtuali in tempo reale per offrire il "pixel finale" nella fotocamera – non è richiesta alcuna post-produzione!

Le persone spesso associano VFX (in particolare CGI) agli esempi più eclatanti, trasformando robot, l'ultimo apocalittico blockbuster o jeep inseguiti da un T-Rex irascibile. 

Ma molti sarebbero sorpresi dal numero di scatti VFX utilizzati in programmi TV come Downton Abbey, Fleabag o The Crown. Dall'aumento continuo delle loro storie, alla creazione di interi set digitali, tutti silenziosamente invisibili al pubblico. Un parcheggio banale può essere trasformato in un'epica scena di folla, o interi luoghi d'epoca creati digitalmente in 3D.

La cosa così eccitante è che non hai più bisogno di un budget di Hollywood per raggiungere questi obiettivi. La produzione virtuale consente ai registi moderni di raggiungere nuove vette creative.

 

In che modo VP può aiutare nella situazione attuale?

Mentre le restrizioni sulle riprese e sui viaggi hanno influenzato gran parte del cinema "tradizionale", i vantaggi della produzione virtuale possono essere utilizzati per superare alcune delle attuali restrizioni. Le possibilità sono letteralmente infinite, ma alcune applicazioni pratiche potrebbero essere:

 

• Creare interi set 3D digitali per replicare le posizioni "live" tradizionali

• Invia un equipaggio di 1 uomo in qualsiasi parte del mondo per sparare "sfondi"

• Gli attori possono quindi essere inseriti digitalmente in uno di questi ambienti

• Aumentare le scene usando migliaia di "Digital Extras"

• Riprendere gli attori separatamente (rispettando le distanze minime) e poi riunirli nella stessa scena.

 

Oltre il blocco perché la VP è una grande opportunità per i marchi?

Come ha sempre creduto fermamente nell'innovazione e nell'abbracciare nuove tecniche di produzione. E dopo averlo testato e testato negli ultimi anni, è allettante parlare qui di più sulla tecnologia. Dopotutto, la sua tecnologia che sta alimentando questa rivoluzione.

Tuttavia, la produzione virtuale non riguarda la tecnologia – non proprio – in realtà ritorna alla buona narrazione vecchio stile. E questo è davvero il punto cruciale del perché questa rivoluzione della produzione dovrebbe importare ai commercianti. In poche parole: la produzione virtuale consente di ampliare l'ambito e le dimensioni dello storytelling. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi